Coronavirus e Connessione

Coronavirus in Connessione

Coronavirus in Connessione Di Tera Mantra Kaur

Comunicazione in evoluzione

Quasi fosse una rivelazione, stiamo scoprendo i tesori nascosti dentro e fuori di noi. Come l’uomo del paleolitico scoprì per caso che una pietra, se tagliata in un certo modo, può avere funzioni diverse dal solito, noioso utilizzo, così oggi, l’Homo Sapiens scopre che la tecnologia, come ogni altra cosa, può avere applicazioni molto più efficaci del suo uso ordinario.

Coronavirus e Connessione Uomo Paleolitico
Una pietra può avere funzioni diverse

Coronavirus in Connessione

Community, comunità, comunicazione, questa è l’era dell’informazione.

Tocchi un monitor, sfiori lo schermo, e senti la connessione, meno tecnologica, ancora più sottile, di cui oggi avvertiamo veramente il bisogno, in fondo al nostro essere “esseri umani”.

Avvolti dal silenzio, così come praticando una qualche nuova forma di Yoga, una nuova esperienza di Unione, stiamo in questa Asana, chiamata quarantena, a respirare, ad ascoltare.

E mentre la mente, inizialmente, non smetteva di ribellarsi, i nostri sensi, a distanza di qualche giorno, iniziavano a riposarsi, iniziavano a gioire di questa pace, di questo arresto, domiciliare, che iniziava a farci riconciliare. Con noi stessi, col nostro fare, col nostro andare.
L’eco dei pensieri si è assottigliato sotto l’impotenza e l’abbandono, ci siamo affidati alle istituzioni, ci siamo affidati alle istruzioni, ci siamo infilati nelle informazioni.

Un bel calderone da passare al setaccio, con garze a maglie sempre più strette, strette come noi, prima, per prendere proprio un granello, uno stralcio, quel poco che serve, l’utile in attesa del dilettevole.

Coronavirus e Connessione Diamante
Riconciliarsi con noi stessi

Coronavirus in Connessione

Coronavirus e Connessione Diamante
Ci collega per Amore

Coronavirus in Connessione

Perché ci siamo proprio accorti di quanto poco ci basti, di quanti respiri in una mano avanzino se rallentiamo il passo, se fermiamo la corsa, se allunghiamo un braccio, il metro è una distanza lunghissima da percorrere.

Così tutta questa tecnologia, questa applicazione scientifica poderosa, questa potenza mondiale invisibile e pervasiva, che guidava distratta i nostri interessi, occupava sbadatamente i nostri recessi, si incollava in ogni nostro ritaglio rubato ad uno sguardo, ad una parola con l’altro, ora torna, in altra forma.

Ora può solo adempiere al suo scopo originario, essere al nostro servizio: ci collega per sostegno, per istruzione, un pochino anche per informazione, al servizio di ogni professione, ci ricorda chi è al comando del Destino, chi c’è dietro al monitor e chi è seduto a quel famoso tavolino.

Ci collega per amore, per presenza, per semplice espressione.

E come con quella pietra, milioni di anni fa, stiamo scoprendo quanto quello che creiamo, in realtà, possa essere più utile a tutti come strumento e non come comandamento.

Scopriamo oggi come, la nostra anima, avvolta dal carbonio, se tagliata e levigata in un certo modo, con pazienza, indulgenza e devozione, possa, insieme alle altre, finalmente, brillare di più Luce, riflettere, anche senza schermi, più Amore.

Tera Mantra Kaur ha sempre voluto esplorare nuovi luoghi ma mai quanto ora con lo Yoga. Ha scoperto che il viaggio interiore è il più impervio ma anche il più divertente e se la incontrate nel cammino scoprirete quanto sfidi ogni giorno gli altri a scoprire quanto possa essere divertente non prendersi troppo sul serio.

Pin It on Pinterest